© Chiara La Ferlita

Die Zauberflote | Wolfgang Amadeus Mozart

Dietro l’apparente semplicità della storia, l’Opera racconta temi universali e sentimenti atemporali. La metamorfosi dei personaggi e la frammentazione degli eventi rendono inizialmente ambiguo il mondo del Flauto Magico. Con l’avanzare dell’Opera, tale mondo invece supera la contingenza specifica della vicenda per giungere alla completezza dell’unità universale. Il progetto scenografico vuole rendere tale universalità attraverso elementi archetipici, e quindi non descrittivi, al fine di non vincolare il dramma ad uno determinato contesto. Gli elementi di scena seguono in maniera dinamica e a vista l’azione attorale ricomponendosi ogni volta in modo funzionale alla drammaturgia.

Per ulteriori informazioni selezionare le singole immagini

Beyond the illusory simplicity of the story, the Opera tells of universal topics and timeless feelings. The metamorphosis of the characters and the fragmentation of the events initially make The Magic Flute’s world ambiguous. However, as the Opera unfolds, such world exceeds the contingency of the narrative to reach a univeral wholeness. The design seeks to spatially translate such wholeness employing archetypical elements, instead of descriptive ones, in order not to restrict the Opera to a specific context. In sight of the audience, all the elements on stage dynamically follow the action to create every time a new composition that strives to support the drammaturgy.

For more information click on each image

CONCEPT

SET

LIGHTING

COSTUME

DRAWINGS

RENDERING

SCALE MODELS

DESIGN DETAILS

Ideato per
Conceived for
Teatro alla Scala Milano

Politecnico di Milano

Laurea Magistrale in
Architettura Civile
Master of Science Degree
Civil Architecture

Scenografia
Set Design